Troppe proteine fanno davvero male al cane?

Con questo articolo voglio aiutarti a comprendere più da vicino cosa si cela dietro le quinte di questa affermazione tanto frequente quanto errata. Leggerlo ti aiuterà a comprendere meglio l'importanza dell'alimentazione per il benessere del tuo cane.

Molto spesso si sente dire che “troppe proteine fanno male" e quindi si sceglie di somministrare cibi (sempre confezionati) con una quota proteica inferiore.

Questa scelta nasconde un errore di base che vorrei poter chiarire una volta per tutte.

 

Facendo una scherzosa similitudine, la frase "troppe proteine fanno male al cane" è scorretta tanto quanto affermare che un vampiro sarebbe meglio che bevesse meno sangue per vivere meglio!

Il problema delle proteine non è tanto la quantità ma la qualità delle stesse presenti all’interno di un cibo.

Se si somministrano tante proteine di scarsa qualità (a maggior ragione i derivati della carne che sono piume, corna, ossa, pelle ecc che vengono lavorati per essere poi cotti al punto da diventare farine) queste proteine conterranno una quantità di aminoacidi essenziali non sufficienti.

L’organismo quindi per soddisfare il suo metabolismo dovrà andare a cercare le proteine altrove facendo uno sforzo importante e, spesso non riuscendo a trovarle.

Le proteine però sono la base dell’alimentazione del cane e del suo metabolismo.

Di proteine sono fatti

  • gli anticorpi
  • tutti i tessuti cutanei, pelo compreso (pensa a quante proteine servono durante la muta del cane)
  • i muscoli (cuore compreso)
  • le mucose ecc.

Se le proteine che vengono somministrate non sono di buona qualità servirà molto tempo per degradarle e diventeranno scarto per lo più, che fermenterà e provocherà flatulenza, alitosi e soprattutto non ci saranno tutti gli aminoacidi necessari per la sintesi di altre proteine all’interno dell’organismo.

Ecco perché proteine di alta qualità non saranno mai troppe in CuorMio come in una dieta casalinga prescritta da nutrizionista.


In particolare durante la malattia dove, l’organismo ne consuma molto di più che in salute.

La dieta influenza moltissimo la salute del tuo cane (come quella di tutti gli organismi) e più ancora influenza la salute dell’intestino, organo che è al centro di moltissime attività metaboliche, non ultime le allergie e tutti i processi infiammatori.


Un intestino sano, ben funzionante lo si riconosce non da feci sempre uguali compatte, asciutte (comode da tirare su), ma dalla scarsa quantità di feci prodotte, dalla scarsa odorosità, dalla capacità di reagire per espellere sostanze nocive (con la diarrea che è un sistema di difesa) e tornare alla normalità nel giro di 3 o 4 giorni senza intervenire se non con il digiuno.

Una dieta sana, fatta di materie prime di alta qualità certificate come tali è certamente la base per la salute del cane e del suo intestino.

 

il diario salute del cane

Se anche tu vuoi conoscere meglio la filosofia CuorMio attraverso cui ho aiutato oltre mille cani di piccola taglia in tutta Italia ed evitare di mettere la salute del tuo cane in balia di false credenze o consigli contro producenti, ti invito ad approfittare dell'offerta che hai per ricevere a casa il libro Il Diario Salute del Cane e che trovi a questa pagina:  Libro il Diario Salute del Cane

 

Alla salute del tuo cane!

Luca Cuormio

PS
Scegli con attenzione l'alimentazione per il tuo cane perché da questa scelta ne conseguirà la sua salute e anche la tua (perché esattamente come accade con i bambini, se loro stanno bene anche noi siamo molto più sereni e rilassati).